Casa Carducci

Percorsi on line / I luoghi di Giosue / Visita le stanze

Introduzione

Il tour ha inizio dalle sale “vissute” dal Carducci studioso e professore, munite di robuste scaffalature: l'ingresso, la biblioteca, lo studio, il corridoio, deposito dell'archivio, e persino la camera sua da letto, dove si raccolgono anzi le edizioni più preziose della libreria. Non privi di libri e documenti, neppure la sala da pranzo e la camera da lavoro della signora Elvira, ma per scelta dell'allestitore Albano Sorbelli, che, ligio alle raccomandazioni della donatrice, Margherita di Savoia, non poteva che privilegiare l'ambiente materiale, il «sacrario» del padrone di casa che qui aveva vissuto in «intima familiarità» con i suoi volumi, da sempre ragione d'essere dell'esistenza stessa, già «conforto» e «nutrimento» della gioventù, quindi «compagni e aiutatori della faticosa vita». Solo dopo avere visitato queste stanze di lavoro, approdiamo nel piccolo mondo di Elvira Menicucci: la sua camera da letto e il salottino buono.
Una buona parte degli oggetti che arredano questi ambienti sono censiti nella banca dati «Patrimonio culturale dell'Emilia-Romagna» di IBACN.

Biblioteca | Casa Carducci