Settore Biblioteche e Welfare culturale

copertina di Settore Biblioteche e Welfare culturale

Il Settore Biblioteche e Welfare culturale del Comune di Bologna gestisce e coordina le biblioteche comunali presenti sul territorio cittadino.

Il Settore, costituito il primo gennaio 2021, ha preso il posto dell'Istituzione Biblioteche, attiva dal 2008 al 31 dicembre 2020.

In piena adesione ai principi espressi nell'ultima edizione del Manifesto Unesco sulle biblioteche pubbliche, e nella Carta di Milano delle Biblioteche, il Settore Biblioteche e Welfare culturale assicura a tutte le persone il diritto di libero accesso alla cultura e all’informazione; ne promuove lo sviluppo potenziando i sistemi multimediali e favorendo condizioni di pari opportunità secondo una prospettiva interculturale.

In particolare, il Settore Biblioteche e Welfare culturale garantisce a tutti i cittadini e a tutte le cittadine la conservazione, la valorizzazione e la piena accessibilità al patrimonio bibliografico e documentario, importante anche per la conoscenza della storia, delle tradizioni, dell’ambiente della città di Bologna come capoluogo di Regione e come città universitaria a vocazione europea.

Fanno parte del Settore Biblioteche e Welfare culturale diciotto biblioteche di vario tipo, in grado di accogliere i cittadini e le cittadine e di rispondere ai loro più svariati bisogni informativi e documentari:

  • Archiginnasio è una biblioteca di ricerca e di conservazione, specializzata nelle materie umanistiche e nella storia e cultura della città di Bologna;
  • Salaborsa è una biblioteca multimediale di informazione generale che vuole documentare la cultura contemporanea;
  • Salaborsa Ragazzi è una sezione di Salaborsa specializzata per la fascia 0-16;
  • Salaborsa Lab Roberto Ruffilli è un centro multimediale, uno spazio informale per lo studio e l’apprendimento trasversale ai linguaggi e alle discipline;
  • Casa Carducci è centro di informazione specializzata sull'opera di Giosuè Carducci, nonché punto di riferimento per gli studi di letteratura italiana dell'Ottocento;
  • Biblioteca Amilcar Cabral è specializzata nella vita politica, sociale, economica e culturale dei paesi dell’Asia, dell'Africa e dell’America latina;
  • Biblioteca Italiana delle Donne è specializzata in cultura femminile, studi di genere e femminismo;
  • Biblioteca dell'Istituto Storico Parri è specializzata nel campo della storia contemporanea.

Le dieci biblioteche di pubblica lettura distribuite nei Quartieri cittadini:

  1. sono presidi comunitari resilienti per il Benessere di Comunità;
  2. sono i punti di snodo territoriali per l’integrazione intersettoriale in tema di Welfare culturale;
  3. costituiscono il punto privilegiato di accesso ai servizi bibliotecari e culturali presenti sul territorio;
  4. soddisfano le esigenze di conoscenza più diffuse.